domenica 10 dicembre 2017

Cartolina da Parigi (Diario Notturno 383)

"La verità non è venuta nuda sulla terra, ma in simboli e immagini. Non la si può afferrare in altro modo." Questa affermazione, presente nel Vangelo apocrifo di Filippo, ci ricorda che principi assoluti come unicità e identità, vacillano: tutto è metafora perché niente è identico a se stesso. I limiti connaturati ai sensi, la volubilità nell'esprimere giudizi e l'abitudine della memoria a mistificare è l'ordine a cui il mondo in quanto pensato si conforma.
L'effetto che ne deriva è l'impossibilità di fissare l'evidenza. La mente la produce, la modifica, la sostituisce e la rimuove incessantemente. Passato e presente sono artifici dialettici. Quella che chiamiamo oggettività è il modo di descrivere con il linguaggio nient'altro che apparenza.


Illustration by Igor Morski

Nessun commento:

Posta un commento